Dopo il diploma all’Accademia di Belle Arti di Roma, Rosella Restante inizia la sua ricerca artistica prima attraverso l’osservazione della figura umana, passando per una fase espressionista, e approdando poi al concettuale esprimendosi attraverso la scultura, il disegno, l’incisione, la fotografia e il video.

 

Il suo è un punto di vista lirico ma anche minimalista ed espressivo che fa dello spazio il luogo prediletto per la continua indagine e ricerca d’identità. Un percorso artistico multidisciplinare che nella scultura la vede sperimentare vari materiali come ferro, travertino e sale.  Nel corso della sua carriera ha esposto in varie personali e collettive in Italia e all’estero.

La sua opera “Humanitas” (scultura-libro in alluminio con tavole stampate) è stata selezionata dalla giuria di esperti Giorgio Agnisola, critico d’arte e scrittore, docente di arte sacra presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale e presidente di giuria; Elena Pontiggia, critico d’arte, docente di Storia dell’arte contemporanea all’Accademia delle Belle Arti di Brera; Marcello Francolini critico d’arte, curatore indipendente, docente di Storia dell’arte Contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria; Vincenzo Lieto, curatore e direttore artistico della Pinacoteca di Gaeta (LT); l’imprenditrice e manager Maria Gabriella Mazzola titolare con la sua famiglia della CO.ME.L., unica azienda promotrice e sostenitrice del Premio COMEL) rientrando tra le 13 opere finaliste dell’ottava edizione del Premio COMEL “Legami in Alluminio”.