Proclamato il vincitore della IV edizione del Premio COMEL Vanna Migliorin Arte Contemporanea 2015: l’artista Silva Cavalli Felci per l’opera “Danza rossa”

Premio COMEL 2015Dal giudizio della giuria: “Misura, ritmo ed eleganza sono i segni caratteristici evidenti di un’opera con la quale l’artista, dal ricco e significativo curriculum, ha voluto rimettersi in gioco ed è tornata a sperimentare il suo linguaggio. La purezza dei tagli della materia e la morbidezza delle linee, ottenute con una fine modellazione dell’alluminio colorato di rosso, accennano i movimenti lievi come di una danza e sembrano disegnare simboli musicali e profili di uno spartito le cui armoniche si offrono allo sguardo per vibrare in leggerezza. L’opera rivela così una dimensione ulteriore, che la assomiglia ad una scultura sonora: le frange regolarmente sagomate dell’alluminio quasi possono essere toccate quali corde e lasciano netta la sensazione di una reazione con l’ambiente, di una atmosfericità estatica e come sacrale.”

Silva Cavalli Felci si è formata tra Svizzera (è nata a Bellinzona), Inghilterra e Italia. Negli anni ’50 sceglie di trasferirsi a Londra per studiare arte, in un periodo in cui era piuttosto insolito vedere una giovane donna avventurarsi in un clima internazionale. Un episodio che esprime bene il furore artistico che ha animato la sua opera, sempre tesa tra l’impeto e il perfetto controllo stilistico che armonizza e dona infine l’idea di pace e persino di appagamento. Tiene mostre personali e collettive in Italia. Si dedica alla creazione di libri d’arte, in collaborazione con poeti, scrittori, ricercatori e conduce laboratori di attività espressive rivolti all’indagine e alla voce del disagio.


Segnalate le opere ‘I need protection’ di Alessandra Baldoni e ‘L’atleta e l’uccellino’ di Giampietro Degli Innocenti.

Premio COMEL 2015‘I need protection’ è una serie di scrigni in alluminio che attendono di essere aperti per svelare misteri poetici tra parole e immagini. Alessandra Baldoni è una fotografa di lungo corso e scrittrice, ama creare piccole sceneggiature visive che vivono in un mondo metafisico. La giuria ha espresso il seguente giudizio: “La sequenza di libri-scrigni, di piccoli libri-album che si tengono dentro sicure cornici d’alluminio, ha la struttura e il ritmo di un’installazione e chiede un rapporto diretto con chi guarda, chiede di essere sfogliata, chiede partecipazione. La relazione tra immagini e scrittura è la base dell’opera ed è tema svolto nel senso della leggerezza: la leggerezza di esplorazioni in punta di piedi dei sentimenti, di affioramenti discreti di memorie, di riflessioni sui valori dell’esistenza, di frammenti di racconto di vissuti espressi da lontano e sublimati nel linguaggio dell’arte.

Foto Spazio 061Giampietro Degli Innocenti è un artista autodidatta. Come scultore predilige soprattutto argille refrattarie. Nell’ultimo decennio si è specializzato in sculture lignee e metalliche. Nell’opera ‘L’atleta e l’uccellino’ (fusione in alluminio) conferisce leggerezza ad un soggetto voluminoso nell’atto di spiccare il volo. La giuria:  “La presenza di un omino tutto massa e volume, risolto in un aggregato greve e informe, che sta inscritto in un cerchio e, a differenza di celebri figure leonardesche, poggia schiacciato sulla sua base, è tale da far pensare comunque ad un movimento circolare, anche circense, che può cominciare, che può innescare un processo di smaterializzazione. E il volo può risultarne di conseguenza, un volo che imita gli uccelli abitatori dell’aria, che ne insegue la libertà. Il gioco, serio ed ironico insieme, è tra peso e leggerezza, tra la realtà che opprime e il suo superamento, la sua sublimazione: un gioco alla Calvino che s’avvale degli impulsi e dei suggerimenti dell’alluminio.”


Ricordiamo i membri della giuria: Giorgio Agnisola, critico d’arte e saggista (Presidente della Giuria); Marcello Carlino, ricercatore di Storia della critica letteraria; Anna Cochetti, critico d’arte e curatore indipendente d’arte contemporanea; Augusto Pieroni, docente di Storia e Critica della Fotografia, saggista; Maria Gabriella Mazzola, manager del settore alluminio.

Prossimo appuntamento con il Premio COMEL sabato 18 aprile per il Premio del Pubblico.

Per l’occasione ci sarà una performance di danza contemporanea di Alessia del Noce (direzione artistica di Minea De Mattia dell’associazione ‘Opera in Roma’)