Nato dalla sinergia tra arte ed impresa il Premio COMEL cresce e Latina si apre verso l’Europa

Premio COMEL 2013

Essere artisti ed essere imprenditori sono due scelte di vita che appaiono opposte. Eppure accade che questi che sembrano due mondi paralleli diventino convergenti ed invece di scrutarsi l’un l’altro con sguardo più o meno critico scelgano di condividere lo stesso percorso verso un benessere comune che è economico come culturale.
Imprese e artisti, sicuramente mossi da impulsi diversi, lavorano entrambi nel trasformare la materia. Comel lancia la proposta di quest’incontro tra arte e impresa che vede nella materia il primo punto di contatto: gli artisti sono invitati a creare utilizzando proprio l’alluminio. Duttile, versatile, leggero e pesante al tempo stesso e sicuramente altamente riciclabile questo metallo diventa il materiale d’elezione per gli artisti che vorranno partecipare al Premio Comel.
Elizabeth Genovesi

Pubblicato il bando della seconda edizione “L’espressività dell’alluminio”.
La partecipazione è libera ed è aperta a tutti gli artisti, maggiorenni, che operino nell’Unione Europea e che abbiano utilizzato, utilizzino o intendano utilizzare l’alluminio come medium privilegiato. La scadenza per l’iscrizione al Premio COMEL 2013 è fissata al 31 dicembre 2012.

L’alluminio pesa un terzo dell’acciaio. Può essere forgiato, modellato, laminato fino ad ottenere un foglio sottilissimo. Visivamente intrigante, l’alluminio non necessita di particolari finiture, ma la sua superficie può essere trattata con un’ampia gamma di rivestimenti, dalle verniciature alle anodizzazioni colorate. L’alluminio è facilmente riciclabile, con un costo energetico pari ad un ventesimo di quello necessario per la sua prima fusione. Un terzo dell’alluminio consumato oggi è prodotto riciclando rottami.

Importanti obiettivi del Premio sono la promozione di una sinergia tra arte e impresa, l’attenzione alle potenzialità creative dell’alluminio attraverso la ricerca sulle sue qualità espressive, estetiche e comunicative e l’apertura verso movimenti artistici locali ed internazionali.