Immagine solo logo

“Sinuosità dell’ Alluminio”

Tra le proprietà dell’alluminio la plasticità è una vera e propria celebrazione della libertà artistica, un richiamo alla creatività e alla modificabilità che le mani creative amano vivere pienamente. In questo concetto rientrano pienamente le qualità della malleabilità e duttilità del metallo, che consentono strutture ricche ed espressive. In particolare vogliamo soffermarci sulla sinuosità dell’alluminio, intesa come eleganza e morbidezza della lavorazione, sia sul piano bidimensionale sia su quello tridimensionale.

La sinuosità presuppone giochi curvi e sensuali, movimenti che si mobilitano nello spazio aereo o che si espandono sul piano. Un sentiero, un fiume, un profilo, persino un ragionamento può essere sinuoso e avviluppare l’attenzione nel suo percorso come una musica.

Non a caso il poeta Àngel Gonzàles, nella poesia “Sono Bartók di tutto”, parla di “viole sinuose”. Quando il tratto segue un andamento ammaliatore diviene come musica. E ci piace immaginare che dietro l’opera dell’artista possa esserci una musica totalizzante come quella di Béla Bartók o che sia possibile ricevere un effetto emozionale simile.

Flessuosità, svolta, giravolta, tornante, serpeggiamento, meandro, ansa: queste le possibilità a cui il metallo si presta, per essere sinuoso e condurci sulle vie dell’arte.